La chiesa e i suoi beni artistici

Una nota sugli affreschi di Luca Rossetti da Orta

Cupola, particolare della Vergine assunta

Un importante motivo di interesse per la chiesa di Santa Croce sono gli affreschi settecenteschi di Luca Rossetti, realizzati in due interventi, di cui il primo risale alla fine del 1753 mentre un secondo prese avvio nel 1761.

Ci sono negli affreschi di Santa Croce tutti gli aspetti che connotano il Barocco: la voglia di meravigliare, la teatralità, la grandiosità delle figure, la capacità di ampliare illusivamente gli spazi attraverso l’architettura dipinta. [….]

Il debito di Luca Rossetti verso Carlo Maratta nella chiesa di Santa Croce ad Ivrea

Carlo Maratta, Disputa sulla Immacolata Concezione, 1686, chiesa di Santa Maria del Popolo, Roma

Luca Rossetti, nell’affinare il suo linguaggio pittorico, guardò con attenzione al barocco romano della seconda metà del Seicento, ed in particolare ai lavori di Carlo Maratta (alias Maratti, 1625-1713), conosciuti non attraverso gli originali (ché il pittore di Orta non viaggiò mai sino a Roma), ma attraverso stampe che circolavano. La cosa non può certo sorprendere visto la fama che Carlo Maratta aveva acquisito nell’ambiente romano meritando anche l’elogio di Giovan Pietro Bellori che dedicò a lui un intero capitolo nel terzo volume de Vite dei pittori, scultori ed architetti moderni. […]

La pala dell’altare di San Filippo Neri

L’altare laterale sul lato destro della navata venne edificato nel 1690 grazie alle generose elargizioni di Giò Luigi Rambaudi, Vicario Generale dell’allora Vescovo Giacinto Truchi, particolarmente legato all’oratorio torinese di San Filippo Neri. L’altare fu benedetto dallo stesso Rambaudi il 13.5.1690. Il blasone dei conti Rambaudi, sormontato dal cappello da sacerdote appare in basso a sinistra nella pala d’altare. L’attaccamento devozionale della confraternita a San Filippo Neri continuò nel tempo. […]

L’altare di San Gregorio e Santa Lucia

L’altare laterale sul lato sinistro della navata venne edificato nel 1692 interamente a spese del canonico Pancia -verosimilmente cappellano della Confraternita – per celebrare la particolare devozione dei confratelli verso San Gregorio, stante la istituzione da parte del grande pontefice delle messe in suffragio dei defunti. È opportuno ricordare che la congregazione eporediese (che prendeva allora il nome di Confraternita del Suffragio) aveva come scopo principale, dichiarato nell’art. 1 delle proprie Regole, quello di far celebrare messe «a sollievo dei tormentati animi del Purgatorio» [….]

Il ruolo della chiesa di Santa Croce nella storia del Carnevale

Stemma di Gian Luigi Rambaudi

Le vicende storiche e religiose di questa chiesa si sono riverberate più volte nella storia del carnevale eporediese condizionandolo. Grazie ad una relazione riguardante la Consegna dei redditi della Compagnia del Suffragio dell’anno 1661 apprendiamo che “ … la Compagnia ha gli infrascritti obblighi […] negli ultimi tre giorni di carnevale si fanno quaranta hore con sermone […]

Pannello con la Comunione degli Apostoli

Giuseppe Stornone, Comunione degli Apostoli, olio su tela riportata su supporto ligneo, 1871

Chi entra oggi nella chiesa di Santa Croce ed alza lo sguardo verso la balconata che ospitava l’organo, osserva su di essa un pannello ligneo raffigurante la Comunione degli Apostoli con le figure ritagliate seguendo il profilo delle loro teste.

Scrive in proposito Guglielmo Berattino: «L’ultima spesa degna di nota sostenuta nel XIX secolo per l’incremento del patrimonio artistico della chiesa fu l’acquisto di un dipinto su tela rappresentante il S. Sacramento, da esporsi sulla porta della Chiesa in occasione delle 40 Ore, opera del pittore Giuseppe Stornone», specificando poi che il dipinto venne pagato lire 30 in data 31.3.1871 La tela, per come la vediamo, è montata su una intelaiatura lignea. [….]